Logo di Estatica
Discografia

Eat me Clown

The chosen One

Recensione
Pubblicato il 12/04/2010
Voto: 7.5/10

Gli Eat Me Clown sono una giovanissima band dedita ad un incrocio brutale di death/thrash e metalcore. Attivi solo dal 2005, dopo due demo, eccoli registrare il loro album di debutto per la UK Division, ovvero questo The Chosen One. Coadiuvati a sorpresa da una bassista, Stefania, il nostro gruppo di baldi giovani ci dà dentro da paura e confeziona un dischetto di tutto rispetto. Diciamo pure che il lavoro in questione, pur mostrando ancora alcune leggere acerbità, ci presenta ancora una volta una band nostrana che sarebbe capace di dare del filo da torcere a colleghi ben più blasonati con la sola fortuna di essere nati al di fuori dell’Italia.

Undici tracce che mischiano sapientemente stacchi brutali ad aperture leggermente più accessibili, a volte farcite di pesanti riffs in puro stile metalcore. Sin dalla traccia posta in apertura dal titolo chilometrico Pretty Stupid, You're not Cute of Making Appreciations, si possono notare gli stacchi metalcore in mid-tempo per poi sfociare in veloci ripartenze a base di up tempo. Il vocione roco di Riccardo mette la ciliegina sulla torta in una proposta musicale già estrema. A dir poco esaltante il lavoro di doppia cassa del batterista Ioan, mentre la seconda chitarra di Enrico si getta nel ricreare linee soliste leggermente più accessibili ma mai legate al filone moderno del melodic death metal di stampo commerciale. Son of a Owl e A Buzzard upon a Little Pear Tree proseguono con la stessa formula lineare ma sempre coinvolgente anche se la seconda traccia in questione mostra evidenti influenze melodic death metal qua e là in occasione del ritornello, pur sempre viaggiando su tempi veloci.

White Thurday e Me VS Windmills anch’esse mostrano un riffing serrato di chiara matrice scandinava che mostra sempre in minimo di orecchiabilità da opporre ai brutali e pesanti come macigni stacchi metalcore dall’indubbia caratura. E così il disco continua, tra bordate assortite e stacchi leggermente più accessibili. Certo, un tale album che ti sputa in faccia tutta questa brutalità potrebbe essere per alcuni di difficile assimilazione ma gli Eat me Clown ci sanno fare nel loro stile e questo lo apprezziamo.

Eat me Clown - The chosen One

Eat me Clown

The chosen One

Cd, 2010
Genere: Metal

Brani:

  • 1) Pretty Stupid, You're not Cute of Making Appreciations (02:53)
  • 2) Son of a Owl (03:07)
  • 3) A Buzzard upon a Little Pear Tree (03:38)
  • 4) White Thursday (03:50)
  • 5) Me VS Windmills (03:46)
  • 6) Song for a Little Man (04:11)
  • 7) High Flights (03:27)
  • 8) Casting Out (03:07)
  • 9) Fear No Fear (03:22)
  • 10) This Fury (03:27)
  • 11) Sanctimoniuos (03:55)

Informazioni tratte dal disco

Formazione:
Riccardo - Guitar, Vocals
Enrico - Guitar
Stefania - Bass
Ioan - Drums

Note