Logo di Estatica

La storia

In breve

Estatica è la prima enciclopedia di musica italiana e cultura in formato elettronico. Nata nel 1994, negli anni ha subito vari mutamenti, che l'hanno vista percorrere una distribuzione iniziale su floppy disk (Internet all'epoca era agli albori e in Italia non c'era neanche nelle università...), per poi passare al cd-rom, In ultimo si è trasformata in applicativo web, quello che state visionando in questo momento.

Nel dettaglio

Il floppy disk di Estatica

L'idea di realizzare una enciclopedia di musica italiana è nata nella primavera del 1994 a Bosio (AL), anno in cui ho cominciato a raccogliere il materiale. Dapprima su un'agenda, perchè dopo gli anni del Sinclair Spectrum non avevo ancora comprato un altro computer! Con il passare del tempo sono aumentate le informazioni, i contatti, le collaborazioni e a Genova ho iniziato a inserire il tutto nel PC (un Pentium 90) sotto forma di file di testo. La prima sezione che ho realizzato è stata quella dei gruppi musicali. Fin da subito non ho posto veti sui generi da prendere in esame: inizialmente era più orientata ai gruppi underground, ma senza barriere o preconcetti sui generi musicali.

Contemporanemanete alla crescita del materiale, tramite una lettera ad un giornalista della rivista MC Microcomputer vengo informato che è uscito un nuovo formato che permette di gestire gli ipertesti: questo formato si chiama HTML!
Inizio allora a convertire i dati in tale formato, aiutato anche dal corso presente in tale rivista.

Di quegli anni ricordo le lettere, la gioia di vedere la cassetta della posta quasi mai vuota, le amicizie, la mail art (arte postale), i disegni...

Successivamente ho introdotto la sezione sulle fanzine e riviste. Queste ultime sono state di primaria importanza per quanto riguarda le informazioni su numerosi argomenti quali musica, arte, letteratura, cinema, fumetti, computer. La soddisfazione di trovare un gruppo nuovo, di leggere un articolo su un film, o di scoprire un bravo autore di racconti o poesie, in una di queste riviste, è molto maggiore a quella di subire le scelte dei programmi radiofonici e televisivi, spesso dettati più da regole di mercato, piuttosto che artistiche e culturali. Oggi il discorso è diverso, internet e l'accesso ad una quantità sconfinata di informazioni ha cambiato tutto, chiunque può scrivere e la difficolt&ageave; spesso è quella di capire l'affidabilità delle informazioni.

Nel 1997 è comparsa su Internet la prima demo nel sito http://www.pozzani.com/estatica/estatica.html (non più online) dove sono state inseriti solo pochi contenuti, ad esempio nelle discografie solo i nomi dei gruppi presenti e non le informazioni ad essi relative. Questa versione dimostrativa aveva il solo scopo di mettere in evidenza l'iniziativa e sondare le tipologie di persone interessate al progetto.

In ultimo è stata inserita la sezione "letture", comprendente articoli, interviste, racconti e poesie da leggere su monitor o, volendo da trasferire su carte grazie alla propria stampante.

La versione demo, sviluppata in html statico, ristretta per la sezione musicale, ma comprensiva di tutta la sezione letteratura, è stata distrubuita in numerosi cd allegati a riviste da edicola.

Di seguito l'elenco delle pubblicazioni su cd-rom dell'enciclopedia "Musica Estatica" versione demo:
Estica distrituito su cd-rom in allegato a rivista da edicola Pc Pratico n.3 (Marzo 1997), Pc Floppy + Pc Magazine n.116 (Luglio/Agosto 1997), Pc Floppy + Pc Magazine n.117 (Settembre 1997), Pc Floppy + Pc Magazine n.126 (Giugno 1998), Inter.Net n.43 (Febbraio 1999), Pc Floppy + Pc Magazine n.133 (Febbraio 1999), Pc Floppy + Pc Magazine n.134 (Marzo 1999), Pc Floppy + Pc Magazine n.135 (Aprile 1999), Pc Floppy + Pc Magazine n. 136 (Maggio 1999), Pc Floppy + Pc Magazine n. 137 (Giugno 1999)

Nell'ottobre del 2000 ho deciso creare un vero e proprio database con queste informazioni, in modo da aumentare le funzionalità e le possibilità di espansione. Al tempo stesso sono state ampliate enormemente le informazioni contenute, aggiungendo la possibilità di memorizzare dati precedentemente non presenti come titoli delle canzoni, codice del disco, schede informative sui gruppi e recensioni relative ai dischi.

Proprio quando doveva essere pubblicato, vari problemi non mi hanno consentito di finalizzare il progetto con la messa online. Per anni il progetto è rimasto fermo, le vicissitudini della vita spesso ci fanno cambiare le priorità ma...

Nell'aprile del 2007, lo sviluppo è ripreso attivamente, partendo da una riscrittura del codice. Nell'agosto 2007 ho riacquisito il dominio estatica.it ed il sito è andato online.

Nel febbraio 2009 è iniziato lo sviluppo di una nuova versione, basata sul framework open source symfony 1.2.

Nell'agosto 2011 è iniziata la riscrittura da zero del sito, basata su Symfony2 e pubblicata solo ad ottobre 2013.
Tra le caratteristiche di questa versione, c'è la possibilità di visualizzare il sito con ogni tipo di dispositivo: cellulare, tablet, computer desktop e portatile, televisore full hd.

Dal dicembre 2014 la collaborazione con Marco Maria Maurilio Bicelli ci ha permesso di aumentare sensibilmente il numero di articoli che trattano di hi-hi, tanto che dopo qualche mese, abbiamo aperto una sottosezione specifica, "Alta fedeltà".

Fabrizio Pucci