Logo di Estatica

Radar

re-pop

Recensione
Pubblicato il 01/05/2017
Voto: 6/10

I radar sono un gruppo musicale pop formatosi nel 1980 che pubblicarono un LP omonimo per la WEA nel 1982. Malgrado apparizioni televisive in programmi famosi dell'epoca quali Domenica in, Discoring e Un disco per l'estate 1982, il gruppo dal 1983 scompare nel nulla.

Una rinnovata formazione viene costituita nel 2015, con al centro Nicola Salerno che scrive quasi tutte le musiche e i testi. L'eccezione è "Plastic people" che è basata su una poesia di Aldo Nove e "Sul vesuvio".

Questa nuova incarnazione dei radar è musicalmente pop, è basata sul suono delle tastiere e nel libretto interno ci tendono a sottolineare che non sono presenti campionamenti.
I testi fondano la loro esistenza nell'ironia con qualche punta di malinconia qua e là e un po' di gusto retrò.

C'è una certa contrapposizione tra le musiche che scorrono così melodiche ed attuali e i testi che da un certo punto di vista non riescono a riflettersi completamente nell'ascoltatore, rimanendo appiccicati al suo autore.

Curiosamente ho notato che i temi culinari sono molto rappresentati nei testi e si va dal pezzo sui vegani che si riconvertono e tornano a mangiare le salsicce, alla cuoca Calabra, ai formaggi di Lanzarote, alla cottura del pollo in automatico di "I love domotica".
E' molto difficile giocare con l'ironia, è un terreno minato e spesso i gruppi che toccano questo genere fanno utilizzo di parole scurrili o altri espedienti prorompenti, qua invece le parole non sono mai gridate, le storie quasi personali, come fossero nate dai racconti di amici fatti in un'osteria.

Radar (2016)
Grugy (2016)
Sul Vesuvio (2017)
Radar - re-pop
Radar - re-pop
Fotografia di Fabrizio Pucci

Radar

re-pop

Cd, 2016

Brani:

  • 1) Vegano no
  • 2) Plastic people
  • 3) Sul vesuvio
  • 4) Grugy
  • 5) Cuoca calabra
  • 6) James Carruba
  • 7) I formaggi di Lanzarote
  • 8) I love domotica
  • 9) Tarma umana
  • 10) re-pop

Informazioni tratte dal disco

Nicola Salerno: voce + soundmaster
Joyello Triolo: voce
Gaetano Lonardi: voce

Parole, musiche e arrangiamenti di Nicola Salerno tranne che per "Plastic people" (N. Salerno - A. Centanin - N. Salerno), da un apoesia di Aldo Nove
"James Carruba" e "Sul vesuvio" parole di J. Triolo e N. Salerno

Prodotto da Nicola Salerno e RADAR per CKC Cinzio Karinzio Corporation

Registrato e mixato presso l'Eremo de la Salle, Verona tra novembre 2014 e agosto 2016

Foto: Tiziano Cristofoli
Progetto grafico: Nicola Salerno

Grazie per il supporto a: Nicola Battista, Chiara Calvi, Martino Fedrigoli, Aldo Nove e Marco Paiano
Quest'album  è dedicato a Catone Muchetti

Nell'album non sono presenti campionamenti