Logo di Estatica
Discografia Intervista

Rhumornero

Umorismi neri

Recensione
Pubblicato il 10/11/2008
Voto: 7/10

La prima volta che ho inserito il cd nel lettore, ho avuto una sensazione di "già sentito".
Sarà lo stile post grunge, sarà il richiamo agli Afterhours in alcuni brani, o qualche accenno ai C.S.I. ("Il segreto").
Non si sarebbe mai detto guardando da dove provengono i singoli elementi: Carlo De Toni (cantautore), Giacomo Macelloni (Prozac+, Super B), Antonio Inserillo (Tossic, Death SS), Ettore Carloni (Super B) perchè niente è più lontano come genere rispetto a Prozac+ e Death SS!
Ma è bene evolversi e pur con le già citate assonanze, il lavoro è assai godibile. Uno dei brani di maggiore presa è "L'inglese" che con il suo ritornello "Chiedi in prestito qualche soldo per andare a Londra a guardare gli inglesi, che camminano forte guardando in basso immaginando un giorno di vedere Firenze", riesce ad insinuarsi nella mente fin dal primo ascolto.
Si alternano brani più robusti, ad altri più lenti, mentre i testi (che si possono apprezzare nel libretto interno) hanno uno sfondo nero, sottolineato sia dal nome del gruppo che dal titolo dell'album, ma non assolutamente opprimente. Speriamo che il gruppo prosegua e che si sviluppi ulteriormente dal punto di vista musicale, magari sperimentando qualche soluzione che lo caratterizzi maggiormente.
Sarei curioso di vedere come suonano dal vivo: il genere e la fattura dei brani sono particolarmente adatti ed hanno già aperto concerti di Baustelle, Almamegretta e Marlene Kuntz.

Rhumornero - Umorismi neri

Rhumornero

Umorismi neri

Cd, 2008, Arroyo Records
Genere: Rock, Grunge, Grunge

Brani:

  • 1) L'equilibrio (03:32)
  • 2) L'inglese (03:21)
  • 3) Il conflitto (04:21)
  • 4) Punto di vista (03:10)
  • 5) Porto i segni (05:38)
  • 6) A piedi a Casciana (04:51)
  • 7) RH (03:42)
  • 8) Il segreto (05:01)
  • 9) Il deserto (03:46)
  • 10) Il sogno (04:53)

Formazione

Carlo De Toni: voci e chitarre
Antonio Inserillo: voci e basso
Giacomo Macelloni: batteria
Ettore Carloni: chitarre