Logo di Estatica

Recensione della soundbar Panasonic SC- ALL30

Pubblicato il 28/08/2015 - Ultimo aggiornamento: 27/03/2016

Traduzioni:


Questa volta parliamo di un prodotto che non ha alcuna attinenza col mondo audiofilo: una soundbar, per la precisione la Panasonic SC- ALL30.

PREMESSA

Il mondo delle soundbar non è di certo il mio preferito, si fa fatica ad avere un’immagine stereofonica precisa, spesso sono prodotti che esagerano nell’equalizzazione rovinando qualsiasi suono e sono pure affetti da un buon quantitativo di distorsione. Queste erano le premesse con cui partivo ad eseguire questa recensione.

RINGRAZIAMENTI

Un grazie ed un saluto in primis a tutti voi che vi sorbite l’ennesima tiritera sull’audio.

Ed un ringraziamento particolare ad Alessio Masi di Panasonic Italia e l’intero reparto Panasonic Italia, di cui ho conosciuto alcuni membri all’evento Technics di Aprile.

PACKAGING

Anche la soundbar non smentisce il solito imballaggio semplice che caratterizza la serie ALL di Panasonic una semplice scatola, sui cui lati vi è descritto il prodotto, imballaggio in giusta quantità e basta.

BUNDLE

Il bundle è composto da: cavo di alimentazione, libretto istruzioni, garanzia e telecomando.

MATERIALI

I materiali sono essenzialmente una buona e robusta plastica e sul piano superiore un pianale in vetro che regge fino a 50kg.

DESCRIZIONE

Anche questa volta basta usare l’APP “Panasonic Music Stream” per usare il diffusore con il proprio dispositivo portatile, inoltre è eseguibile in background in accoppiata con varie app tra cui Spotify,AUPEO,AllPlay Radio, Napster, TuneIn ed altre.

Gli ingressi sono molteplici: AUX, gestito da un paio di connettori RCA; Network, gestito tramite  LAN o Wi-Fi; Bluethoot, ottico digitale ed infine due connettori HDMI dei quali uno è un semplice ingresso digitale, l’altro è sia output per il 4K Pass Through, sia ARC ovvero Audio Return Channel.

L’SC-ALL30 ha 6 piedini in gomma per appoggiarsi al mobile distribuendo i pesi.

In totale gli altoparlanti sono quattro: due monovia elittici per i canali stereo, posizionati frontalmente e due minisubwoofer caricati in bass reflex posizionati in basso e rivolti verso il mobile così da sfruttarlo per l’espansione del suono.

Sia ben chiaro che i subwoofer sono due minialtoparlanti da 2,5 pollici, non subwoofer da 18 pollici.

TEST

Il test mostra un SC-ALL30 a due facce. La prima è la faccia stereo frontale che è una faccia pulita, veloce nella risposta all’impulso che risponde bene dai  medio-bassi in poi, la seconda faccia è invece quella dei minisubwoofer caricati in reflex non velocissimi all’impulso ed efficaci solo tra i 60 e i 120Hz.

Ad un metro si ode e si rileva un decadimento della risposta intorno ai 150Hz, ma poi un netto miglioramento e una migliore stabilità del segnale dai 200Hz in poi… in pratica nella zona dove ad agire sono i monovia frontali.

Se si registra il buco presente a 150Hz circa, tipico della maggior parte dei 2.1, non si registra l’esagerazione in basso altrettanto tipica di tali sistemi

RECENSIONE

Una soundbar non si recensisce con la sola musica, ne uscirebbe con le ossa rotte anche perché è studiata per la visione di film, non per l’ascolto Hi-Fi.

Usata in wireless o Bluethoot presenta un netto miglioramento rispetto all’altoparlante dello smartphone o del notebook, permettendo di sentire meglio e per tutta la stanza. Ciononostante l’ascolto non è entusiasmante o di tipo hi-fi, ci sono distorsioni in basso, gli strumenti suonano legati e le voci poco naturali,  indipendentemente dal tipo di connessione usato. Personalmente consiglio di posizionarla a ridosso di un muro e sopra un solido mobiletto in legno di betulla, sembra essere l’ambiente in cui suona meglio.

Il vero punto di forza dell’SC-ALL30 è la visione di film, è anche possibile connettere due SC-ALL2 in wireless sfruttandole come satelliti posteriori e poter usufruire così del 5.1.

Ci sono anche varie opzioni nelle impostazioni del suono che permettono proprio un miglior godimento dei film, attivando queste opzioni o dialoghi sono più chiari e i bassi sono più puliti. Anche senza che tali opzioni vengano attivate l’SC-ALL30 si comporta bene con dialoghi chiari ed intellegibili, effetti presenti, ma che vengono restituiti in modo onesto per quello che una soundbar compatta può dare, chiedere di più significherebbe distorsione assicurata.

VIDEORECENSIONE

CONCLUSIONI

La soundbar compatta SC-ALL30 è quello che dichiara di essere: un prodotto per un miglior godimento dell’audio dei Film ed un ascolto musicale occasionale.

Un prodotto che viene incontro a chi non vuole cavi, o ne vuole pochi ed ha poco spazio.

Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Telecomando
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Risposta in frequenza monovia
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Risposta in frequenza woofer
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Risposta in ambiente
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Argomento: Riproduzione audio hi-fi