Logo di Estatica
Discografia

Necromid

The Sleep Of The Reason

Recensione
Pubblicato il 17/02/2010
Voto: 7.5/10

Liguri, i Necromid, si formano nel 2003 per debuttare solamente nel 2009 con questo The Sleep of the Reason ovvero un album di metalcore melodico dal chiaro retrogusto thrash metal. Distribuito da Alkemist Fanatix, l’album annovera canzoni di buona fattura, chiaramente ispirate alla corrente americana (Bullet for my Valentine etc) e di piacevole ascolto. Esse contengono sempre una buona dose di melodia da opporre ad alcuni attacchi frontali votati al thrash metal meno aggressivo, quindi sempre ragionato e mai troppo impulsivo.

Come nel caso dell’opener Great Death Show, possiamo notare come la band si destreggi molto bene tra cambi di atmosfera e mood. I riffs sono serrati ma contengono sempre una tocco di melodia, mentre la voce durante la parti prettamente metal si mantiene su livelli buoni di aggressività, chiaramente ispirati al metalcore moderno. Chiari i riferimenti alle molte metal bands svedesi che anch’esse hanno abbracciato tali sonorità moderne e meno “classiche”. Ad ogni modo, quando la struttura della canzone si fa meno tirata e concede alcune aperture melodiche, come arpeggi o linee soliste in primo piano, il mood del disco cambia a e diventa decadente, triste. Questa opposizione triste/arrabbiato rende vincente un prodotto che non si dà mai al commerciale e grazie ad una registrazione ancora sporca conserva sempre un legame col passato.

A volte, come in Final Destination, si possono notare alcune linee vocali leggermente più accessibili ma nulla di più. Esse infatti, conservano sempre un tocco aggressivo e graffiante. Ottimo il tocco epico/decadente nel riffing di una veloce ed incalzante Loneliness Gate, forse vera hit del disco con aperture melodiche di rilievo ad opporsi a cadute nell’oscuro. L’atmosfera trasuda solitudine e tristezza come non mai, a voler dare un sostegno musicale a tale titolo. Ottimo il crescendo d’intensità, dall’arpeggio sino agli up tempo, di Dead man Walking; come anche l’oscurità e la pesantezza prettamente thrash di Violent Reaction. Pochi i cali d’intensità per questo disco, man mano che si procede nell’ascolto. Di tutt’altra pasta la lenta e melodica Remember The Day che si snoda da arpeggi, vocals decisamente melodiche e stop più grintosi.

La cover di Elvis Presley in velocità, Can’t Help Falling In Love, termina questo buon disco da parte di una band promettente che speriamo faccia il salto di qualità presto. A patto che conservi sempre questa attitudine no-compromise e non si lasci andare a facili tentazioni commerciali!

 

Necromid - The Sleep Of The Reason

Necromid

The Sleep Of The Reason

Cd, 2009, Autoproduzione
Durata totale: 46:56
Genere: Death metal melodico

Brani:

  • 1) Great Death Show
  • 2) Final Destination
  • 3) Loneliness Gate
  • 4) Love Is A Discharged Gun
  • 5) Dead Man Walking
  • 6) Violent Reaction
  • 7) Remember The Day
  • 8) The Sleep Of The Reason
  • 9) Red Like Blood
  • 10) Can’t Help Falling In Love
    Elvis Presley Cover