Logo di Estatica
Discografia

Insanity Arise

Sinerside

Recensione
Pubblicato il 24/03/2010
Voto: 8/10

Gli Insanity Arise nascono nel 2003 in quel di Treviso e con questo Sinerside debuttano ufficialmente nel mondo discografico con il loro primo album. Prodotto dalla cacciatrice di neo-talenti ancora senza contratto, la Extreme Rising, i nostri quattro baldi giovani si cimentano molto bene in un death/thrash di matrice Svedese infarcito di elementi che richiamano al metalcore più intransigente.

Sinside si pone come introduzione cupa a base di arpeggi per poi appesantirsi man mano che i secondi passano sino allo sfociare in una velocissima Telescopic Scream. Il sapiente mix di up tempo e down tempo classici del metalcore serve molto a dare il giusto dinamismo e la voce schizofrenica di Daniele fa il resto. Le influenze della scuola di Goteborg si fanno sentire pesantemente e vengono richiamati tutti quei gruppi stile HateSphere che bene o male seguono questo filone. La produzione tagliente e cristallina dona molta profondità ed impatto al sound dei nostri musicisti e la loro tecnica non è assolutamente da sottovalutare perché se mischiata a tale rabbia, può seriamente creare delle buone canzoni in grado di scuoterti il cervello. Le rullate in controtempo mischiate agli stop and go e ai semi-blast beats di Insomnia sono da applausi poiché difficili da immettere in una tale struttura. Alcuni spunti leggermente più accessibili si hanno solo in occasione dell’entrata delle linee soliste ma tutto è molto velato e mai troppo esposto. Si aumenta in termini di velocità con la successiva Being Human anche se molte volte la componente metalcore prende il sopravvento tra una marea di riffs death supportati da una lunga serie di up tempo di batteria. Ottimi i blast beats in occasione del refrain con successivi cambi di tempo alla velocità della luce.

Senza un attimo di tregua, ecco che Storm in a Box che continua la marcia ossessionata a base di up tempo, come ben prevedibile dal titolo. Ad ogni modo i cambi di tempo si fanno sempre notare molto bene e veramente non c’è un attimo di respiro tra questi solchi indiavolati e schizofrenici. Alcuni tratti di Standing in a Corner mostrano inflessioni leggermente più stile death melodico in occasione dei rallentamenti e sovente i The Duskfall mi sono tornati in mente anche se non mancano up tempo improvvisi o blast beats. Influenze dei Soilwork invece sono riscontrabili nell’uso della voce di In my Crane anche se la velocità mediamente si assesta su livelli sempre alti con improvvise sferzate. La lunga Burning My Shadow fa la sua comparsa attraverso oscuri arpeggi e voci sussurrate. Ben presto le cose si fanno più pesanti ma mai eccessivamente ed anche la voce conserva una tonalità meno estrema quando Die non mostra troppi fronzoli e ti attacca senza vie di mezzo. Gli arpeggi ed alcuni down tempo ritornano in occasione della finale Tower of Hate. Quest’ultima traccia mostra una marcia epica degli strumenti e l’atmosfera ne giova molto in termini di oscurità e non mancano improvvise esplosioni di rabbia, come anche momenti più accessibili, a terminare un disco ottimamente suonato e bilanciato.

Gli Insanity Arise ci stupiscono per la loro aggressività unita ad un ottimo senso del songwriting e nulla è votato al puro assalto sonoro. La tecnica a la struttura delle song sono punti sempre essenziali affinché tutto suoni per il meglio e dopo ciò posso solo fare i complimenti ad una band che se pubblicizzata in modo giusto farà strada.

Insanity Arise - Sinerside

Insanity Arise

Sinerside

Cd, 2009 Genere: Death metal

Brani:

  • 1) Sinside
  • 2) Telescopic Scream
  • 3) Insomnia
  • 4) Being Human
  • 5) Storm in a Box
  • 6) Standing in a Corner
  • 7) In my Crane
  • 8) Burning my shadow
  • 9) Die
  • 10) Tower of Hate