Logo di Estatica

Michele Porcile

Nel nostro sito ha pubblicato: per un totale di 111 contributi

Biografia

Nome: Michele
Cognome: Porcile
Data di nascita: 19 maggio 1972
Luogo di nascita: Genova
Residenza: Serra Riccò (GE), Liguria (ma ho vissuto anche a Milano…)

Formazione:

Laurea in Economia. Titolo tesi: “La siderurgia genovese tra la prima e la seconda guerra mondiale”.
Master in Informazione e Comunicazione: dai modelli classici ai modelli innovativi (web based)
Corso di specializzazione in “Esperto in management dei Beni Culturali”.

Esperienze: impiegato in azienda che produce e commercializza prodotti a livello internazionale e mondiale. In precedenza anche consulenza fiscale e del lavoro, consulenza aziendale e formatore durante il periodo milanese.

Cose che faccio: calcio, viaggiare a modo mio, ascoltare musica mentre faccio altre cose, seguire la musica ovunque si manifesti, vedere e capire arte (perché l’esperta è mia moglie!), cinema (possibilmente non d’intrattenimento), poesia, leggere la storia per capire il presente, parlare e leggere di politica economica, condividere con le persone.

Generi musicali preferiti: spero di non averne mai uno in particolare.

Film favoriti: Arancia meccanica, 2001 Odissea nello Spazio, Matrix, Snatch, Kill Bill, La Polveriera, Quattro minuti, Underground, Fight Club, Dogville, Magnolia, La Zona, L’ultima Tentazione di Cristo, la Mala Education, I cento passi, La classe operaia va in paradiso, Un americano a Roma.

La valigia: White album (Disco), Quarto potere ( Film), Confessioni di un sicario dell’economia –John Perkin – minimum fax (libro), l’Angelo di Monteverde – Cimitero di Staglieno –GE (Scultura), L’imballaggio del Reichstag – Christo (installazione), il grande vetro – Duchamp ( pittura contemporanea), La morte della Vergine –Caravaggio (pittura), Mezzago Bloom 14/05/1998 Mtorpsycho (Concerto), Patagonia (Viaggio), un calzino e una mutanda…

Parola chiave: comunicare e condividere.

I dieci album migliori dell’ultima decade: 1- Kid A (Radiohead) 2 – Into The Blue Again (The Album Leaf) 3 – Illinois ( Sufjan Stevens) 4 – Free Gold (Indian Jewelry) 5 – Neon Golden (Notwist) 6 – Lateralus (Tool) 7 – Is This It (Strokes) 8 - ( ) (Sigur Ros) 9 - Funeral (Arcade Fire) 10 – Boxer (The National)

Album italiani preferiti dell’ultima decade: Disco Drive (Thing to do today), Canzoni a manovella (Vinicio Capossela), Contatti ( Bugo), Sussidiario illustrato della giovinezza (Baustelle), Dell’Impero delle Tenebre ( Il Teatro degli orrori) Socialismo tascabile ( Offlaga Disco Pax), l’Oroscopo speciale (Samuele Bersani), Stu (Waines), Technicolor Dream ( a Toys orchestra), Canzoni dell’appartamento (Morgan)

Idoli: Lino Banfi, Bud Spencer & Terence Hill, Diego Milito, Franco Boni e Luca Tommasi (Telemarket), Mourinho, Colombo (Tenente), Sandro Ruotolo (giornalista).

 

Contatti: micheleporcile@libero.it