Logo di Estatica

DEIVA

PAURE RASSICURANTI EP

Critique
Posté le 13/12/2017 - Dernière mise à jour: 15/12/2017
Vote: 7/10

DEIVA sono un progetto nato in una piccola stanza 2x3 in quel di Milano tra immagini che diventano ossessioni e registrazioni che diventano rifugi rassicuranti per una manciata di ragazzi qualunque. Si esprimono con un pop diversamente ingenuo e ci riversano addosso emozioni e vibrazioni nate dal binomio solitudine/compagnia con uno stile già ben delineato, ma non per questo privo di tratti personali. L'Ep completamente autoprodotto da Daniele Cocchi e Pietro Quaranta, masterizzato da Marco Pergolini e Pietro Quaranta è stato suonato da Daniele Cocchi (voce, synth, chitarra, basso) con la partecipazione di Daniele Marinello (basso, cori), Pietro Quaranta (chitarra, tastiere), Tommaso Porro (batteria).

Il disco si fonda su due sole tracce Briciole e Paure rassicuranti (quest'ultima replicata anche sotto forma di Remix a cura di Andrea della Valle) secondo uno schema molto in voga in questi ultimi anni: la forma canzone vede la commistione tra una predisposizione pop quasi cantautorale e un atteggiamento indie dai tratti elettronici nella sua messa in atto. Una valvola socio-culturale che assolve perfettamente il ruolo di Avatar moderno in cerca della propria identità al di fuori delle proprie maschere, al di fuori delle proprie paure.

Briciole ricorda lavori come quello di Liede o dei Cani, dove a convincere non sono le trame elementari e il pop al limite del demenziale, ma la sua ironia, il nonsense fresco ed energetico, il simbolismo tra l'ermetico e l'universale. Ascoltare Ragazzo Semplice e il suo Complesso per credere. Con Paure Rassicuranti passiamo al vero pezzo forte che colpisce la fantasia dell'ascoltatore. L'utilizzo dell'ossimoro è già di per sé un buon inizio per un testo che mostra e mette a nudo tutta la fragilità di questa giovane generazione, ma con una schiettezza e una delicatezza che lascia estasiati. Colpisce come un diretto questa dicotomia tra le trame decadenti, figlie dello smarrimento e lo stile di espressione elegante come una carezza consolatoria che passa sul nostro viso. Un andamento soave che ci regala una strana sensazione di malessere, ma al contempo di serenità come se fossimo vittima della sindrome di Stendhal di fronte a un'opera pop firmata Renato Mambor.

DEIVA - PAURE RASSICURANTI EP
Photographie Daniele Cocchi

DEIVA

PAURE RASSICURANTI EP

Ep digitale, 2017, Autoproduzione
Genre: Electro-pop, indie-pop, Cantautorale

Tracks:

  • 1) Briciole
  • 2) Paure rassicuranti
  • 3) Paure rassicuranti remix