Logo di Estatica

Intervista al regista Alfonso Maiorana

Pubblicato il 13/03/2018 - Dernière mise à jour: 14/03/2018

Traductions:

Interview with the director Alfonso Maiorana

Con la presentazione del film documentario Rumble - Il grande spirito del rock nelle sale cinematografiche italiane, il 19, 20 e 21 marzo 2018, abbiamo pensato di contattare uno dei due registi, l'italo canadese Alfonso Maiorana. La versione originale dell'intervista è quella in inglese

Come è nato un interesse così specifico, come quello dell'influenza dei nativi d'america sulla musica, tanto da farne un documentario?

Sono da sempre un appassionato di musica, ed intendo di tutti i generi musicali, dalla Tarantella Montemaranese alla musica africana, caraibica, classica, blues, jazz, rock, punk, folk, rap, etc...
Sapevo di musicisti che avevano un background indiano. Essendo figlio di immigrati italiani, sono sempre stato affascinato dal background culturale di ogni artista che ho seguito. Perché? Credo che abbia a che fare con l'espressione arte, che significa musica, pittura, cinema ecc ...
Sono cresciuto a pochi chilometri da una comunità first nation. Ho avuto amici che ho conosciuto tramite lo sport, la scuola e il lavoro. Quindi Rumble tocca il mio cuore. Quando da adolescente ho scoperto The Clash e The Stooges, ho scoperto anche Link Wray. Così ho cercato nell'enciclopedia (Google) da dove provenisse e del perché Joe Strummer e Iggy Pop hanno parlato di questo chitarrista ribelle, come di un eroe! E ho scoperto che era indigeno, Shawnee!

Girando Rumble, scoprimmo che artisti come Link Wray, Mildred Bailey, Charlie Patton o Robbie Robertson influenzarono la musica popolare. Proviene dalla loro profonda educazione alla musica nativa tradizionale. Il drumming era un beat 4/4 che fa parte di quello che conosciamo come musica popolare americana. Sappiamo che la musica africana ha una battuta di 6/8, sappiamo quale sia la musica classica europea, ed entrambi hanno influenzato la musica popolare, ma non possiamo negare il contributo della musica nativa sin dall'inizio. La scrittura di Mildred Baileyn viene proviene da antichi canti indigeni che usa per creare uno stile unico di interpretazione jazz, che influenza leggende come Bing Crosby, Ella Fitzgerald, Billy Holliday, Frank Sinatra e, naturalmente, Tony Bennett.

E' stato difficile trovare un produttore interessato per mettere in pratica il vostro progetto?

Sono i produttori che hanno trovato me. Catherine Bainbridge, produttore / condirettore e Christina Fon, produttore, conoscevano la mia ossessione e la passione per la musica e i documentari musicali. All'inizio pensarono di filmare un breve progetto per la TV o per lo Smithsonian. Stevie Salas e Tim Johnson, che avevano creato la mostra, si chiamavano: Up where Weong: native musicians in popular music, si erano avvicinati a Rezolution Pictures con quell'idea. Quando Christina Fon mi ha chiamato per questa idea, ho detto che dovevamo fare qualcosa di più grande, un documentario perché il contributo nativo americano / canadese alla musica popolare non è mai stato discusso. Tuttavia, è un elemento fondamentale della storia della musica, un capitolo mancante che deve essere raccontato. E così facendo, possiamo ripercorrere la storia americana, la vera storia attraverso gli occhi degli indigeni. La musica è il narratore perfetto!

Tecnicamente con quali mezzi avete girato il film?
Il montaggio ha richiesto molto tempo?

Ci sono voluti 5 anni per filmare Rumble. Abbiamo iniziato usando una fotocamera Alexa, seguita da Red, poi da Blackmagic e abbiamo finito con la Sony F7b perché era difficile mantenere un budget sufficiente. Dovete sapere quanto è costoso viaggiare ovunque negli Stati Uniti e in Canada, hotel, attrezzature, cibo, ecc ... e mantenere il budget prestabilito. Il gruppo era composto da un regista / direttore della fotografia che ero io, un tecnico del suono e un assistente alla macchina da presa. Per le ricostruzioni o le scene di finzione, abbiamo avuto un po 'più di tecnici che mi hanno aiutato. Essendo che costruivamo un background immaginario, ho detto a Catherine che dovevamo provare a dare di questo film una interpretazione lirica e visiva della storia della musica. Era importante mostrare la terra, descrivere l'epoca, la musica tradizionale, la politica e l'ingiustizia, nonché la musica che veniva fuori dalla lotta.

Volevo anche inserire dell'animazione, un'opportunità per me di lavorare con Meky Ottawa, un artista grafico indigeno che ha molto talento.
Il montaggio è stato un lungo viaggio perché avevamo tanto materiale. Ma avevamo una struttura che volevamo rispettare e che riteniamo sia presente in Rumble. Avevamo bisogno di presentare ogni icona con una canzone che tutti potessero riconoscere, da dove proveniva quella persona, cosa stava succedendo socialmente e politicamente in quella parte del paese. Nel montaggio abbiamo avuto il bisogno di fare sentire sentirsi il discorso musicale perché dopotutto è un documentario musicale. I nostri redattori hanno fatto un ottimo lavoro nel trasmettere questo messaggio.

Il documentario è davvero pieno di ospiti molto famosi ed interessanti. Ci raccontate qualcosa a riguardo?
C'è stato qualche nome particolarmente difficile da raggiungere? Qualcuno che vi ha sorpreso? Qualcuno che non siete riusciti a contattare?

Gli artisti famosi sono stati fantastici. Dal primo giorno, tutti volevano essere parte del progetto perché sentivano lo stesso bisogno di informare il pubblico sull'influenza dei nativi americani e dei canadesi sulla musica popolare. Sono stati influenzati dalle icone che stavamo celebrando in Rumble. È stato così eccitante e importante per il film. Avevamo bisogno di esperti, maestri di storia della musica, per dircelo, ma ancora di più, avevamo bisogno di questi famosi musicisti per fornirci ulteriori approfondimenti che solidificassero la nostra argomentazione. Conoscevano l'importanza del nostro messaggio e quindi siamo stati fortunati che si sono uniti nella nostra narrazione.

Naturalmente raggiungere i personaggi famosi non è facile. Ci sono voluti 3 anni per convincere Martin Scorsese a liberarsi. Ha accettato subito di parlare di Robbie Robertson ma stava lavorando su Silence, quindi quando il suo manager ha chiamato e ha detto che Martin era pronto domani alle 13 a New York ..... Saimo usciti fin dal mattino !!!

Pazzo!

Iggy Pop, il mio preferito, è stato qualcosa di simile. Ci sono voluti diversi anni. Era a Montreal a lanciare il suo ultimo libro, eravamo pronti ma il suo manager ci ha chiamato per dire che era troppo malato per un'intervista. Poi, la settimana successiva, il manager chiamò e disse: Iggy è pronto domenica pomeriggio alle 13:00 nel suo hotel a Detroit. Stavo lavorando a un set cinematografico (Bruce Willis, Death Wish), ho ricevuto la chiamata venerdì sera dai miei produttori, quindi sono volato sabato mattina !!!

Pazzi !!!

Iggy ci sorprese per quanto amasse Link Wray ... Lo stesso con Dan Auerbach ... Pure FE era incredibile e probabilmente l'intervista più importante che abbiamo fatto. Neville Brothers, Tony Bennett, Little Steven, tutto fantastico!

Abbiamo cercato disperatamente di avere Bob Dylan, che aveva lavorato con Robbie Robertson ma era anche un grande fan di Charlie Patton. Non siamo riusciti a convincere il suo manager. Peccato.
La mia più grande delusione è stata non avere Pete Townshend. Lui prima acconsentì e poi disdisse, poi nuvamente acconsentì e disdisse!

Quali sono gli album che consigliereste per apprezzare le radici della musica dei nativi d'america?

BITTER TEARS album from Johnny Cash
WALELA
REDBONE Golden Classics
SACRED SPIRITS
MUSIC FOR THE NATIVE AMERICANS by Robbie Robertson
HEILUNG / LIFA
LINK WRAY
BLACKFOOT (No Reservations)
KATHLEEN IVALUARJUK MERRITT
JIMI HENDRIX (AXIS: Bold as Love)
CHARLIE PATTON (Down the Dirt Road Blues, High Water Everywhere, Pony Blues)
BUFFY SAINTE-MARIE (Nqative North American Child:An Odyssey

L'apparizione nei cinema italiani, è un evento interessante e per nulla scontato. Siete soddisfatti? Come sta andando la distruzione nella altre nazioni?

Sono stato piacevolmente sorpreso dall'interesse di Rumblein Italia. È iniziato con i nostri distributori italiani "I Wonder Pictures" che ho incontrato a Sundance lo scorso anno. Ma allo stesso tempo, non sono così sorpreso perché se c'è un paese in Europa che può abbracciare un argomento come questo, sono gli italiani. I gusti diversi nella musica storicamente sono sempre stati riconoscibili. Finora, sono felice della distribuzione e spero che si faccia strada in tutto il paese da nord a sud e in tutte le isole. Luoghi come Napoli, Salerno, Avellino, Lecce, Palermo, Reggio Calabria, Sardegna e Udine, Venezia, Torino, Verona o Genova hanno bisogno di vedere RUMBLE !!!

Quali sono i vostri prossimi progetti?

Bene, sono tornato di recente da Roma dopo aver lavorato con un talentuoso sceneggiatore italiano di nome Mariano Di Nardo. Ispirato da eventi reali, sto sviluppando una sceneggiatura drammatica, che spero di filmare un giorno presto in Italia, in particolare, Sardegna, Napoli e Udine. Incrociando le dita, vediamo di trovare alcuni produttori italiani interessati nei prossimi mesi.

Alfonso Maiorana (co-regista di Rumble)
Catherine Bainbridge (regista di Rumble)
La crew di Rumble: Salas, Taboo, Bainbridge, Maiorana
La crew di Rumble: Johnson, Bennett, Bainbridge, Salas
Link Wray nel 1970
Robbie Robertson
Buffy Sainte Marie nel 1960
Buffy Sainte Marie
Steven Van Zandt
Randy Castillo (batterista)
Charlie Patton
Mildred Bailey
Taj Mahal
Pat Vegas
Iggy Pop
Redbone
Jesse Ed Davis
Sujet: Cinema