Logo di Estatica
Discografía

San La Muerte

San La Muerte

Revisión
Publicado el 20/09/2011
Votar: 6.8/10

San La Muerte è un gruppo formato da Leo Pari e dal chitarrista Renzo Fiaschetti. Il nome viene omaggiato nel primo brano "Viva San La Muerte", dove il tema della morte è affrontato con l'ausilio di ironia e chitarre rock graffianti: "arriva di mattina che nessuna la vede, arriva di notte che nessuno la chiede".
"Mr. Even" fa uscire il lato più sgangherato e "cazzone" dell'autore. "Lui parla 100 lingue ed ha una laurea in antropologia e ha avuto 1000 donne però è innamorato della mia, è furbo ed ha un'inntelligenza al di sopra del normale, non lo puoi fermare...  Mr. Even... [...] Mr. Even è il miglior amico che io posso avere, siediti qui accanto, versami da bere, Mr. Even è il miglior amico che io posso avere, siediti qui accanto, prestami il sedere... [...] Quando non ho sete lui comincia a bere, quando sono stanco lui si veste per uscire, guardo una donna e lui si va a presentare, ha sempre una risorsa è bravo a parlare, lui ti sa convincere sa fingersi educato, vive a casa mia da quando sono nato, usa il mio rasoio, il mio accappatoio, gira sempre nudo per il corridoio...".
In "The donor" fruoriesce il suono degli states "on the road". "Ghost and machines" si lancia nella fantascienza, riuscendo a costruire un brano efficace: "Nel 2170 non ci sarà più energia. cloroformio al posto dell'acqua, cani robot, agenti di polizia. L'uomo bianco andrà in estinzione per assenza di riproduzione, la religione prende il posto della cultura, la censura il posto dell'emozione."
"Terra sotto i piedi" ha un testo semplice, ma tratta un tema su cui fa sempre piacere riflettere.
"Il duello" è un altro brano particolarmente riuscito, pur con un classico tema sul rapporto uomo donna, ma affrontato con il giusto "appeal": "Non hai più munizioni, non puoi ferirmi più, bruciare le emozioni come facevi tu, il cielo è ancora quello, ma è ritornato blu. Ho vinto il duello e a terra ci sei tu".
Il piglio ironico ritorna in "Una donna in due": "Dicono che avere una dinna in due, sia molto meglio che non averne mezza. Basta avere dosi di tranquillità, poca dignità e molta pazienza. Il tempo corre forte, il tempo ti cambia, se scivoli ti rompi una gamba...".
"Domani smetto" è un po' AC/DC con un classico testo da rocker: "Basta, ormai l'ho detto, domani cambio domani smetto di fare tardi, di stare fuori, di litigare con i miei genitori. [...] Posso dormire di meno, posso mangiare di meno, posso parlare di meno, posso drogarmi di meno".


Un rock classico, "americano" ma solido e ben suonato, con una propria personalità italiana, sia nella voce, sicuramente con influenze "battistiane" che negli arrangiamenti di numerosi brani.
E' evidente che questi musicisti hanno qualcosa da dire e sono riusciti in sala di registrazione a registrare l'espressione della propria personalità che fuoriesce dai microsolchi del dischetto.

San La Muerte - San La Muerte

San La Muerte

San La Muerte

Cd, 2010 Género: Rock

Canciones:

  • 1) Intro
  • 2) Viva San La Muerte
  • 3) Mr Even
  • 4) The Donor
  • 5) Ghost And Machines
  • 6) A Still Infinite Sunshine
  • 7) Il Richiamo
  • 8) Terra Sotto I Piedi
  • 9) Il Duello
  • 10) Una Donna In Due
  • 11) Domani Smetto
  • 12) Roman Blues