Avis de musique

Groupe/Artiste Titre

The Velvet Underground

White Light/White Heat

“Pulp Life”. Ma che bel posto che è New York, ma che belle sono le promesse mai mantenute, ma che bello è svegliarsi, con un male che non sai e riempirlo con tutto quello che ti fa star meglio e subito. Ma che bello è man

Pino Masi

L’Internazionale Proletaria

Come tante altre riviste frivole di allora (da L'Espresso a Playore), anche Lotta Continua, organo del movimento omonimo allora al terzo anno di pubblicazione, regalava come gadget un disco: L

Lucio Battisti

Emozioni

8
Emozioni è una raccolta contenente brani tratti dai singoli a 45 giri, ed è importante per due motivi.

Van Der Graaf Generator

Pawn Hearts

9.5
A volte non basta un aggettivo per dare nome a un volto. Questo album di volti ne ha così tanti che a più di quarant'anni dalla sua pubblicazione risulta impossibile metterlo a fuoco del tutto. Ogni analisi critica risc

Claudio Lolli

Aspettando Godot

7.5
Aspettando Godot è il primo album di Claudio Lolli. Il cantautore bolognese inizia a scrivere le sue prime canzoni nel periodo del liceo e grazie all'amicizia con Piero Guccini, riesce a fare ascoltare i suoi brani al fratello

Il Balletto di bronzo

Ys

8
Ys è un’isola mitica, costruita in Bretagna da Gradlon, re di Cornovaglia, per la figlia Dahut e sprofondata misteriosamente nelle acque, per colpa di un mandante del demonio, che si fa dare le chiavi della diga proprio da Dahut.

Francesco Guccini

Radici

8.5
Quando da adolescente ascoltavo i dischi di Guccini, respiravo un'aura di saggezza nelle parole scandite da questo cantautore modenese. Un distillato di vita, di emozioni, di valori, di parole pensate e non buttate lì per caso, come inve

Franco Trincale

La tragedia delle bambine rapite a Marsala

La discografia di Franco Trincale è mastodontica. Non cercate di rintracciare su Discogs o Wikipedia la lista completa dei suoi dischi, per quanta buona volontà possano averci messo gli estensori, è impossibile riuscire a rico

Cinzia De Carolis

Papà non correre

Nel 1973 Cinzia De Carolis, bambina prodigio passata nel giro di pochi anni dalle Edizioni Paoline a Playmen, incide quello che rimarrà scolpito nel Pantheon della musica pop italiana come il suo disco più

King Crimson

Red

Comprimendo geometrie del male e della rabbia. Sulla, bella, foto di copertina, i King Crimson, appaiono in tre, eppure no, David Cross non è licenziato, figura ancora nei credits. Fripp, aveva sentenziato che il suono del suo violino e