Logo di Estatica

PANASONIC DMP-UB400

Pubblicato il 07/05/2018


PREAMBOLO

È la seconda volta che scrivo una recensione su un lettore Blu Ray, riprendo perciò quel solco redazionale aperto da Ivano Russo, dato che, sebbene non mancherò di esprimere come questo lettore suona, esso nasce per uno scopo totalmente multimediale e non legato al puro ascolto.

INTRODUZIONE

il DMP-UB400 è un lettore middle level che sebbene sia piazzato a 375€, si può trovare anche a meno di 300€.

https://www.panasonic.com/it/consumer/home-entertainment-e-audio/blu-ray-e-dvd/dmp-ub400.html

ASPETTO E CONNESSIONI

L’aspetto è sempre il solito Made in Panasonic: frontalino a scomparsa, design minimale con addirittura la quasi totale assenza di pulsanti di comando… fatta eccezione pi pulsanti di accensione e di eiezione del supporto.

Due i connettori USB Type A per supporti esterni: quello frontale è dedicato all'ascolto o visione dei file su smartphone (permette inoltre la ricarica di tali dispositivi); quello posteriore è invece dedicato a chiavette ed HDD, si basa infatti sul più recente standard USB 3.

Le connessioni posteriori non sono molte, il DMP-UB400 è infatti totalmente ridotto all'osso e sono assenti le connessioni analogiche: presenti infatti una connessione LAN per completare le funzioni di media streamer; un'uscita digitale ottica per l'audio slegato dall'HDMI e per l'appunto due HDMI (una per l'output video ed audio, l'altra per il solo output audio, comodo per chi non ha un sintoamplificatore che supporti il 4K).

QUALITÀ DI RIPRODUZIONE E FUNZIONALITÀ

Partiamo con l'elencare ciò che non ho fatto:

1 non ho visionato in 4K dato che il mio videoproiettore è Full HD e non ho il benché minimo interesse nel prendere ora un 4K (soprattutto TV).

2 non ho provato la LAN... come al solito la connessione fisica è un piano sopra.

Passiamo a raccontare ciò di cui ho provato.

Il software di controllo è semplice ed intuitivo, è perfettamente usabile anche senza consultare il manuale dell'utente e permette di regolare qualsiasi funzione del lettore.

La visione è ottimale e non introduce problematiche particolari. I colori sono naturali, come sempre ciò è un punto di forza per il produttore Nipponico.

OK probabilmente per il resto dell'universo la visualità è l'importante... tuttavia chi vi scrive probabilmente la prende eccessivamente alla leggera e non vede motivo alcuno per non continuare in questa sua visione radicale dei 5 sensi.

Passiamo alla parte acustica.

L'assenza delle uscite analogiche non è devastante... insomma non ci strapperemo le vesti per l'assenza di quella parte che nella totalità dei lettori Blu Ray commerciali viene bistrattata.

Possiamo usufruire dell'audio tramite due uscite digitali: la prima è su interfaccia HDMI e permette la connessione con qualsiasi sintoamplificatore (anche su quelli più vecchi dato che le due porte possono essere usate separatamente per il trasporto Audio e Video); la seconda è una semplice, poco costosa, ma decisamente interessante interfaccia ottica.

Quest'ultima può essere tranquillamente usata per l'ascolto stereofonico tramite qualsiasi DAC; il BMP-UD400 avrà perciò la sola funzione meccanica. Ovviamente non è tutto oro ciò che luccica, e nemmeno questo lettore lo è: permette un ascolto senz'altro interessante e può essere usato come sostituto temporaneo in attesa di un buon lettore CD o Meccanica Hi-Fi. La musica c'è e risulta senz'altro godibile ed abbastanza ricca di particolari. Manca tuttavia l'attenzione al dettaglio e una sensibile autorevolezza non solo ad estremi banda, ma anche nel resto della gamma.

Ciononostante rimane un prodotto interessante perchè ad un costo accessibilissimo permette di avere la lettura di tutti i formati.

CONSIDERAZIONI FINALI

Pro:

La qualità video è alta e lato visual è dotato delle più attuali funzionalità.

Se non siete appassionati di film è certamente un prodotto che permette una qualità più che dignitosa sotto il profilo visual; inoltre affiancato ad un buon DAC permette di sostituire temporaneamente un lettore CD o una meccanica Hi-Fi.

Contro:

Sostituire temporaneamente non l'opzione migliore... finisce anche nei contro.


 

Consigliato a:

A chi vuole allestire un impianto HT

A chi vuole aggiornare il proprio lettore BD, senza disporre di un sintoamplificatore nuovo... più che altro permette di dilazionare la spesa e ciò non è mai un male.

 

Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
L'elemento in poliuretano che potete notare è per attenuare le vibrazioni del coperichio.
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Fotografia di Marco Maria Maurilio Bicelli
Argomento: Riproduzione audio hi-fi